New Digital Event Counter

www.narcisivalter.it
Progetti Elettronici

 

Translate Page



 

 

 

 

 

 

 


CONTATORE DI EVENTI 4x1 in formato H'MM:SS

(4x1 Digital Event Counter UP/DOWN with PIC Microcontroller)


New UP/DOWN Digital Event Counter - Contatore di eventi

Il video fa riferimento al normale contatore 1x1: per vedere il video 4x1 andare a IL FIRMWARE 4x1.

INTRODUZIONE    [ TORNA ALL'INDICE ]

Questo progetto è praticamente uguale a quello già presentato in questa pagina: oltre ad essere pilotato anche da impulsi TTL di elevata frequenza (fino a 20 kHz), questo Event Counter 4x1 incrementa o decrementa il conteggio dopo 4 impulsi in entrata.

Anche in questo contatore i pulsanti per i comandi sono 3:  UP    DOWN  e  RESET , saldati direttamente sul circuito stampato (il passo è predisposto per i tactile switch).

LO SCHEMA ELETTRICO    [ TORNA ALL'INDICE ]

La figura successiva riporta lo schema elettrico del NUOVO CONTATORE DI EVENTI (New Event Counter) (cliccare sulla figura per ingrandirla).

Schematic diagram of UP/DOWN Digital Event Counter

Il circuito è abbastanza semplice perché tutto il lavoro è svolto da un microcontrollore della Microchip, il PIC16F886.

In questo progetto è stato usato SOLO il clock interno del microcontrollore (a 8 MHz) per cui non sono stati necessari né il quarzo né i due condensatori.

La gestione dei segmenti del Display è affidata al Port C mentre il Multiplexer è gestito da una parte del Port A secondo quanto illustrato nelle seguenti tabelle.

Display management - Segments     Display management - Display Multiplexer

I display a 7 segmenti sono del tipo HDN1131-O (Orange, Super-Red, del tipo a basso consumo, necessari per non sovraccaricare eccessivamente le uscite del micro): in ogni segmento, quando acceso, scorre una corrente inferiore ai 10 mA.

Le caratteristiche del display HDN1131-O

REALIZZAZIONE PRATICA    [ TORNA ALL'INDICE ]

Nelle immagini successive sono visibili il Board Layout (Disposizione dei componenti sul PCB), il Bottom Master (lato rame), il Top Master (lato componenti) e le misure per taglio e foratura su un eventuale pannello comandi.

New Event Counter - Board Layout    New Event Counter - Master (Bottom Layer)    Top Layer    New Event Counter - Components list

Come sempre, per l'assemblaggio della scheda, si inizierà con l'inserimento dei piccoli componenti assiali (diodi e resistenze), quindi tutti gli altri componenti. Si consiglia vivamente di utilizzare gli zoccoli sia per il PICmicro sia per i display.

I diodi D1-D7 sono stati inseriti a protezione degli ingressi (anche se il PICmicro ha già questo tipo di protezione): essi sono del tipo Schottky (BAT41, BAT42, BAT43) perché sono molto più "veloci" degli 1N4148 e offrono una caduta di tensione leggermente inferiore a quella dei normali diodi.

Per evitare di danneggiare il microcontrollore durante l'uso, consiglio di RIMUOVERE il connettore-strip siglato MX-ICSP perché esso è utile SOLO in fase di programmazione del microcontrollore: un eventuale cortocircuito tra i pin di questo connettore potrebbe danneggiare il PIC.

Le resistenze R1 e R2 non sono critiche: per esse possono essere utilizzati valori da 150 ohm fino a 1,5 kohm.

COLLEGAMENTI    [ TORNA ALL'INDICE ]

Nell'immagine seguente sono schematizzati i collegamenti della scheda.

Gli attuatori remoti UP e DOWN (come, ad esempio, microswitches o fotocellule) dovrebbero avere contatti Normalmente Aperti (Normally Open, N.O.) e sono utili per inviare i comandi da remoto. Se gli attuatori remoti hanno un diverso tipo di uscita, è necessario costruire un piccolo circuito di adattamento (interfaccia).

Event Counter - Wiring diagram

Tutto il circuito va alimentato con una tensione stabilizzata di 12 Vcc: l'assorbimento medio del circuito si aggira intorno agli 80-85 mA ma consiglio di scegliere un alimentatore in grado di erogare almeno il doppio per evitare che scaldi eccessivamente durante un uso intensivo del dispositivo.

Sulla morsettiera M3 vanno collegati segnali TTL: ad ogni "fronte positivo" del segnale, il contatore si incrementa. Il circuito è in grado di contare impulsi ad onda quadra con frequenza fino a 40/50 kHz ma oltre i 20 kHz i display cominciano a lampeggiare sempre di più man mano che si sale di frequenza.

Il contatto System Reset (J1) non dovrebbe mai servire, ma se per qualche motivo (es., disturbi esterni) il dispositivo dovesse smettere di funzionare, sarà sufficiente cortocircuitarne i piedini così da resettare il microcontrollore (che ripartirà dal TEST DEI DISPLAY).

COMANDI E USO    [ TORNA ALL'INDICE ]

Questo contatore di eventi lavora nel range compreso tra "0'00:00" e "9'59:59" e dunque in grado di rilevare ben 36000 eventi !

L'uso del dispositivo è molto semplice ed intuitivo.

  • All'accensione, dopo il TEST dei DISPLAY, viene visualizzato il valore "0'00:00".
  • Per incrementare il conteggio di UNA UNITA' premere il pulsante  UP .
  • Per decrementare il conteggio di UNA UNITA' premere il pulsante  DOWN .
  • Per azzerare il Display e riportarlo al valore "0'00:00", premere il pulsante  RESET .
  • Quando il conteggio supera il valore ’9'59:59’ il dispositivo riparte da zero ('0'00:00').
  • Se si decrementa il conteggio con il valore '0'00:00', il display visualizza '9'59:59' e così via.
  • I LED DL4-DL5, gialli o verdi (come preferite) indicano la 'direzione' del conteggio. In sostanza la loro accensione indica quale dei due pulsanti UP/DOWN è stato premuto per ultimo (oppure su quale morsetto è arrivato l'ultimo impulso UP/DOWN). Nel firmware 4x1, questi LED offrono un'indicazione "visiva" della direzione del conteggio.

Il conteggio può anche essere incrementato o decrementato da remoto per mezzo di attuatori da collegare alla morsettiera M2 (UP/DOWN). I contatti devono essere di tipo Normalmente Aperti (N.O. - Normally Open) e l'impulso di conteggio avviene nel momento del rilascio (ovvero quando l'attuatore torna ad avere i suoi contatti normalmente aperti).

Il RESET del conteggio può essere fatto solo manualmente premendo il pulsante  RESET .

Di seguito, alcune procedure di esempio:

Event Counter - How to works 1x1

IL FIRMWARE 4x1    [ TORNA ALL'INDICE ]

Oltre al normale firmware (conteggio di ciascun impulso proveniente dalle morsettiere o generato manualmente con la pressione dei pulsanti UP/DOWN) è possibile caricarne uno che funziona praticamente allo stesso modo con l'unica differenza che per far incrementare/decrementare il contatore, servono 4 impulsi (4 impulsi x 1). Con questo particolare funzionamento, il LED DL2 (LED Pulse, posto a fianco del display delle ORE) segnala, con la sua accensione, che non ci sono impulsi 'pendenti'. Al contrario, quando il LED Pulse è spento, significa che almeno un impulso è stato inviato al contatore e che il contatore stesso è in attesa di riceverne altri 3 per effettuare il conteggio. Il seguente video mostra il mio prototipo funzionante con il firmware 4x1.

New UP/DOWN Digital Event Counter 4x1 - Contatore di eventi

Ad ogni 'cambio di direzione' (ovvero quando si passa da UP a DOWN e viceversa) gli eventuali impulsi 'pendenti' sono sempre azzerati.

Nell'immagine successiva, il riassunto del funzionamento del firmware 4x1 visto sui display.

Event Counter - How to works 4x1

DOWNLOAD    [ TORNA ALL'INDICE ]

Cliccando sui seguenti link si possono scaricare il firmware 4x1 ed il datasheet del microcontrollore PIC16F886: per tutte le altre richieste, utilizzare la sezione COMMENTI oppure andare alla pagina New Event Counter.

Download

Firmware 4x1 per la programmazione del PIC 16F886 (2 KB)

Scarica il Datasheet del Microcontrollore PIC16F886 (4.3 MB)

COMMENTI    [ TORNA ALL'INDICE ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

DISCLAIMER (Dichiarazione di esclusione di responsabilità) - Tutti i progetti elettronici presentati e descritti nel sito internet https://www.narcisivalter.it possono essere utilizzati solo ed esclusivamente ad uso privato e senza scopo di lucro, pertanto non commercializzati. Le documentazioni dei progetti (schemi elettrici, disegni, foto, video, firmware, ecc.) non sono di dominio pubblico per cui i diritti d'autore rimangono dell'ideatore. Per utilizzare a fini commerciali i progetti (o parte di essi) presenti in questo sito web, si dovrà contattare l'Autore per concordare un'eventuale autorizzazione scritta.
- All the projects in this webpage is provided with no explicit or implicit warranties of operation. I do not assume any responsibility for any problems or damage to persons. The project is released "as is" and no support of any kind is provided. If you build the project, you implicitly accept my terms of not taking responsibility. If you do not agree, please, do not build this project and do not download any informations from this website!
- Tutti i progetti elettronici presenti nel sito internet www.narcisivalter.it sono stati realizzati e sperimentati personalmente dall'Autore, tuttavia l'Autore stesso non garantisce, a chi li realizzerà, un sicuro e perfetto funzionamento. Tutti i progetti elettronici presentati sul sito www.narcisivalter.it sono pensati e realizzati per un'utenza addetta ai lavori, specializzata nel settore elettrico ed elettronico e quindi in grado di valutare la correttezza e la funzionalità dei progetti stessi. Pertanto l'utente accetta espressamente di utilizzare i contenuti del sito sotto la propria responsabilità. I PROGETTI ELETTRONICI PRESENTATI SU QUESTO SITO SONO STATI RILASCIATI A PURO TITOLO HOBBISTICO E/O DI STUDIO E L'AUTORE NON GARANTISCE LA MATEMATICA CERTEZZA CIRCA IL LORO FUNZIONAMENTO E NON SI ASSUME ALTRESI' NESSUNA RESPONSABILITÀ, ESPLICITA O IMPLICITA, RIGUARDANTE INCIDENTI O CONSEGUENTI POSSIBILI DANNI A PERSONE E/O COSE DERIVANTI DALL'USO DEI PROGETTI STESSI. CHI REALIZZA E UTILIZZA I PROGETTI ELETTRONICI DESCRITTI IN QUESTE PAGINE, LO FA COME SUA LIBERA SCELTA ASSUMENDOSI TUTTE LE RESPONSABILITÀ CHE, EVENTUALMENTE, NE POTREBBERO DERIVARE.
AVVERTENZE IMPORTANTI - Molti circuiti descritti nelle pagine di questo sito sono sottoposti a tensione di rete 110-240 Vac e pertanto potenzialmente pericolosi; si può rimanere folgorati se non realizzati ed utilizzati secondo le norme di sicurezza vigenti. Pertanto l'utente e' tenuto a verificare se quanto realizza e' conforme alla normativa ed alla legislazione vigente. Per i non "addetti ai lavori" (improvvisati auto-costruttori) va ricordato che in particolari situazioni (diminuzione resistenza del corpo) già una tensione di 25V alternata potrebbe essere pericolosa. L'elettronica e l'elettricita' in genere affascina molte persone ma va ricordato che non basta uno schema scaricato da Internet per poter arrivare a un prodotto funzionante e sicuro: infatti ci vogliono un minimo di conoscienze delle fondamentali leggi della fisica, dell'elettricita' e dell'elettronica oltre all'esperienza pratica nell'uso di attrezzi e strumenti indispensabili, come saldatore, tester, oscilloscopio, ecc...

Privacy Policy - Cookie Policy - Condizioni d'Uso