DIY 8-channel Blinker PICmicro 16F886

www.narcisivalter.it
Progetti Elettronici

 

Translate Page



 

 

 

 


LAMPEGGIATORE 8 Ch con PIC16F886 e Triac

(8-Channel Blinker based on Microchip PIC16F886 Microcontroller)


Lampeggiatore 8 canali con Microchip P16F886

INTRODUZIONE    [ TORNA ALL'INDICE ]

In questa pagina viene descritto il progetto di un lampeggiatore a 8 canali, in grado di gestire lampade ad incandescenza con potenza massima di 100 Watt (per canale). Per questa realizzazione è stato usato il microcontrollore PIC16F886 della Microchip, in versione SMD (SOIC-28).

Le lampade sono comandate da TRIAC del tipo Z0103MA (o equivalente BT-131) in grado ri sopportare fino a 1A/600V.

Per facilitare la realizzazione, ho progettato DUE diverse schede: la scheda MAIN (75x43 mm. a doppia faccia) che gestisce tutti i controlli del lampeggiatore e la scheda TRIACs (140x45 mm. a singola faccia) dove sono presenti i triac e gli optoisolatori MOC3020 grazie ai quali la scheda stessa è isolata galvanicamente dalla MAIN board. Ho volutamente separato i due circuiti per aumentare il livello di sicurezza: quando si ha a che fare con l'Alta Tenzione, meglio prendere tutte le precauzioni necessarie. Anche per questo, consiglio vivamente di NON TOCCARE nessuna parte della scheda TRIACs quando questa risulta sotto tensione.

Per permettere di fare le opportune regolazioni del lampeggiatore anche senza collegare le lampade, sulla MAIN board sono presenti 8 LED rossi che hanno la funzione di "monitorare" le uscite (questi LED si accendono insieme alle lampade collegate sui corrispondenti canali).

I comandi sulla scheda MAIN sono due: un comando a pulsante che imposta il MODO di funzionamento ed un comando a trimmer (oppure a potenziometro) che regola la velocità del lampeggio.

Caratteristiche del Lampeggiatore:

  • Lampeggiatore a microcontrollore
  • Tensione in ingresso (Input Voltage): 110-240 Vac
  • 8 canali gestiti da TRIAC
  • 100 Watt per canale (100 Watt each channel)
  • Collegamenti facilitati (easy to use)
  • Isolamento tra le due schede con optotriac MOC3020
  • 12 effetti selezionabili (MODE)
  • Regolazione velocità con trimmer o potenziometro
  • Monitor di servizio a 8 LED
  • Fusibile di protezione (500 mA) per la scheda MAIN

LO SCHEMA ELETTRICO COMPLETO    [ TORNA ALL'INDICE ]

Quello che segue è lo schema elettrico completo del LAMPEGGIATORE a 8 CANALI (cliccare sulla figura per ingrandirla).

Schema elettrico completo del Lampeggiatore con PICmicro

Come già accennato, per facilitarne la realizzazione e, soprattutto, per questioni di sicurezza, il lampeggiatore è stato diviso in due parti ben distinte ognuna delle quali ha il suo circuito stampato.
Ricordo ancora che sulla scheda TRIACs è presente l'Alta Tensione, quindi nel vostro eventuale contenitore (PLASTICO!), posizionatela in modo tale che non possa essere facilmente accessibile (se non per il collegamento alle lampade). Sulla MAIN board, invece, scorre solo bassa tensione ma è comunque consigliabile maneggiarla solo quando è spenta per non rischiare di danneggiare il microcontrollore.

Nella figura successiva, il riepilogo dei componenti usati per questo progetto.

PCBs del Lampeggiatore con MCU PIC16F886

Nella successiva foto, sono visualizzati i due circuiti stampati finali necessari per realizzare l'intero progetto: sono collegati tra di loro per mezzo di un connettore a 10 vie.

PCBs del Lampeggiatore con MCU PIC16F886

IL CIRCUITO DI CONTROLLO (MAIN board)    [ TORNA ALL'INDICE ]

Di seguito, lo schema elettrico della sezione principale che fa capo alla MAIN board (cliccare sullo schema per ingrandirlo).

Schema elettrico della Main Board con PIC16F887

In questo circuito c'è il cuore di tutto il progetto ovvero il microcontrollore PIC16F886 più una manciata di altri componenti.

Per ogni canale, il microcontrollore fornisce una corrente di poco inferiore ai 6mA necessaria per far accendere il LED del monitor e il LED dell'optoisolatore. Anche nel LED giallo scorrono circa 5-6 mA di corrente.

L'intera PORTC del microcontrollore gestisce il monitor a LED e gli optoisolatori (questi ultimi sono presenti sulla TRIACs board).

Il tipo di lampeggio si seleziona tramite il pulsante S1 (MODE) e la scelta è memorizzata sempre nella EEPROM Flash del micro: in questo modo, alla successiva accensione del dispositivo, il lampeggiatore partirà con l'ultima modalità di lampeggio impostata.

Al connettore M10a va collegata la piattina a 10 fili proveniente dalla TRIACs board. Questo connettore, inoltre, segna una sorta di "confine" tra la bassa tensione e l'alta tensione presente sulla TRIACs board.

Il trimmer T1 può essere sostituito con un Potenziometro Lineare da 1K: in questo modo sarà possibile regolare la velocità del lampeggiatore senza dover ogni volta aprire il contenitore ed accedere alla MAIN board.

Il jumper J1 (RESET) è utile nel caso si voglia resettare il microcontrollore e farlo ripartire dall'inizio. Per inviare il reset, cotrociruitare i piedini del jumoer.

Il connettore MX (ICSP) è necessario SOLO per la programmazione On-Board del microcontrollore: una volta programmato, consiglio di rimuovere questo connettore per evitare che accidentali cortocircuiti su suoi piedini possano mettere fuori uso il chip stesso.

In questa scheda, oltre al microcontrollore PIC16F886, sono presenti altri componenti SMD: 8 resistenze da 300ohm/0.25W/1206 e un condensatore X7R da 100nF / 1206. Inoltre, ci sono 3 resistenze da 10K-0.125W.

Per chi vuole fermarsi qui e far funzionare il lampeggiatore come semplice Gadget Luminoso, senza collegare le lampade ma sfruttando solo gli 8 LED sulla scheda, può utilizzare il seguente schema che deve essere alimentato con un'alimentazione di 5V (attenzione alla polarità).

Blinker Gadget 5V

Nella foto successiva, la MAIN board finale costruita dall'autore.

Final MAIN board

Nelle immagini successive sono riportati i masters per costruire la MAIN board e la disposizione dei componenti (per scaricare le immagini, cliccare su quella desiderata e, una volta ingrandita, con il tasto destro del mouse scegliere 'Salva con Nome').

Top Layour of Blinker with 16F886   Bottom Layour of Blinker with 16F886   PCB Layout 220V Blinker based on PIC16F886

La MAIN board misura 75x43 mm.

IL CIRCUITO DEI TRIAC (TRIACs board)    [ TORNA ALL'INDICE ]

Come già accennato, per facilitare la realizzazione del lampeggiatore e, soprattutto, per aumentarne la sicurezza, il circuito dei Triac è stato realizzato a parte su una scheda dedicata (TRIACs board), sfruttando degli OptoTriac (gli optotriac sono più indicati per il pilotaggio dei gate del Triac rispetto ai normali optoisolatori con fototransistor). Sempre per questioni di sicurezza, la scheda dei TRIAC dovrebbe essere posizionata in una parte del contenitore (PLASTICO!) che non sia facilmente accessibile (alla scheda si dovrebbe accedere soltanto per il collegamento delle lampade e per il collegamento del cavo di rete sfruttando le apposite morsettiere da M1 a M9). Per i triac è possibile utilizzare sia il modello Z0103 che i BT-131.

Di seguito, lo schema elettrico della TRIACs board.

Schema elettrico della sezione TRIAC

La tensione in ingresso da collegare alla morsettiera M9 può variare da 100 a 240 Vca. max.

Da notare il componente PS1 (HLK-PM01, un modulo alimentatore da 5V) ed il Transil DT1 (P6KE350CA). Il Transil, insieme al fusibile F1, protegge il modulo alimentatore. La tensione +5V è necessaria per alimentare la scheda MAIN attraverso il connettore M10b.

La foto successiva mostra la TRIACs board finale realizzata dall'autore.

Final TRIACs board

Nelle immagini successive sono riportati il master per costruire la TIRACs board e la disposizione dei componenti sulla stessa (per scaricare le immagini, cliccare su quella desiderata e, una volta ingrandita, con il tasto destro del mouse scegliere 'Salva con Nome').

TRIAC MASTER of PICmicro 220V Blinker (Copper side)   TRIAC PCB Layout of PICmicro 220V Blinker

La TRIACs board misura 140x45 mm.

ALIMENTAZIONE e COLLEGAMENTI    [ TORNA ALL'INDICE ]

Il circuito va alimentato collegando una tensione di rete (da 110 a 240 Vca) sulla morsettiera M9.

Le 8 lampade (max 100W ognuna) vanno collegate alle 8 morsettiere siglate da M1 a M8.

ATTENZIONE CORRENTE ELETTRICA

ATTENZIONE - Nella scehda TRIACs è presente l'ALTA TENSIONE per cui, onde evitare "pericolosissime esperienze", si consiglia di maneggiare o toccare la scheda SOLO DOPO AVER STACCATO LA RETE ELETTRICA. Si raccomanda altresì di osservare sempre le norme di Sicurezza Elettrica e di usare contenitori con fondo in PLASTICA (o in LEGNO) per l'installazione della scheda TRIACs.


A proposito delle lampade, consiglio di utilizzarne del tipo con potenza massima intorno ai 60-100 Watt (anche se i TRIAC utilizzati possono sopportare correnti maggiori): utilizzando lampade più potenti, i TRIAC si scalderebbero troppo.

Dopo un'ora di funzionamento, i TRIAC Z0103MA potrebbero scaldare leggermente (la temperatura del loro case potrebbe arrivare anche fino a 50°C), ma questo è normale. Dopotutto, una lampadina da 100 Watt assorbe circa 400 mA ed i triac usati sono in grado di supportare almeno il doppio. Ricordo ancora una volta che è possibile utilizzare anche i triac siglati BT-131.

Nella figura successiva sono indicati i collegamenti e i comandi della scheda MAIN.

Wiring

IMPORTANTE - Non collegare o scollegare le lampade quando il lampeggiatore è in funzione. Scollegare sempre la rete AC prima di fare qualsiasi tipo di intervento sulle schede.

Nel successivo disegno sono riportati i piani di foratura delle schede (quello della MAIN board è utile sopratutto per poter realizzare la serigrafia del pannello frontale).

Wiring

ATTENZIONE - Dopo un lungo periodo di funzionamento, la temperatura delle lampade potrebbe raggiungere anche i 100°C (nel mio prototipo ho inserito delle lampade da 120W e dopo circa 1 ora avevano raggiunto una temperatura di oltre 100°C !) quindi per evitare pericolose ustioni, si consiglia di NON toccare le lampade.

COMANDI, SPIE ed USO    [ TORNA ALL'INDICE ]

Sulla scheda MAIN sono presenti i comandi manuali del lampeggiatore: il pulsante S1 (per la scelta della modalità di lampeggio) e il trimmer T1 (per la regolazione della velocità). Oltre ai comandi manuali, sulla scheda MAIN trovano posto anche gli 8 LED rossi (MONITOR) e il LED giallo (WAITING for MODE Change).

 MODE (Pulsante S1)  Ad ogni pressione del pulsante S1 si imposta una nuova modalità di lampeggio. Si possono scegliere fino a 12 modalità diverse e quando si arriva alla 12a, la successiva pressione del pulsante reimposta la 1a modalità e così via. Di seguito sono elencate le modalità di lampeggio disponibili e una breve descrizione:

  • 1 - SEQUENZA (SEQUENCE) - Il classico lampeggio da sinistra verso destra ripetuto all'infinito.
  • 2 - DOPPIO (DOUBLE) - Come il precedente, ma a coppie di 2 luci.
  • 3 - SUPERCAR (PENDOLO) - Effetto 'Supercar' o pendolo.
  • 4 - TUTTI LAMPEGGIANTI (ALL FLASHING) - Lampeggio simultaneo delle 8 lampade.
  • 5 - CALCULATOR - Uno o più luci si accendono in modo casuale.
  • 6 - QUADRUPLO (FOUR x FOUR) - Lampeggio alternato a gruppi di 4 luci.
  • 7 - EXPLOSION - Simula l'effetto 'esplosione' o 'apertura sipario'.
  • 8 - RIMBALZO DOPPIO (DOUBLE BOUNCE) - Rimbalzo di due luci opposte.
  • 9 - CASUALE (RANDOM) - Accensione casuale di una lampada alla volta.
  • 10 - CHIUSURA (CLOSED) - Simula l'effetto di 'chiusura sipario'.
  • 11 - ALTERNATO A COPPIE - Lampeggio alternato a coppie di luci.
  • 12 - ACCENSIONE e SPEGNIMENTO SEQUENZIALE - Accende e spegne tutte le luci in sequenza verso il centro.

 MONITOR (LED rossi 1-8)  Sulla scheda MAIN sono presenti 8 LED ROSSI che funzionano da "monitor" per i canali di uscita. Ogni LED si accende insieme alla lampada collegata sul corrispondente canale.

 WAITING for MODE Change (LED giallo DL9)  Questo LED indica, con la sua accensione, il tempo di attesa prima che il dispositivo commuti alla nuova modalità di lampeggio scelta dall'utente. La pressione del pulsante S1, infatti, non corrisponde ad un immediato cambio di modalità (specialmente se è stato impostato un tempo di lampeggio molto lento) perché prima di passare alla successiva modalità, il lampeggiatore deve attendere che termini il ciclo di quella attuale: l'accensione del LED "WAITING for MODE Change" indica proprio questo tempo. Naturalmente, con una velocità di lampeggio molto veloce, l'accensione di questo LED sarà praticamente impercettibile.

GALLERIA IMMAGINI    [ TORNA ALL'INDICE ]

Le seguenti foto mostrano le schede del prototipo finale.

PICmicro blinker 8-channel Blinker based on PIC16F886 8 Channel Blinker PIC16F886 8 channel PICmicro PICmicro Blinker

 

Di seguito, le foto del prototipo installato su un'elegante scatola plastica (con pannello in alluminio): per montare la scheda MAIN sul pannello, occorrono 4 distanziatori da circa 13-14 mm. (Il pomello del pulsante va tagliato in base all'altezza del distanziatore). Sul contenitore, nella posizione che più si preferisce, dovranno essere praticati 8 piccoli fori per le uscite dei cavetti per le lampade: in alternativa, è possibile aprire un unico foro dove far passare tutti i cavetti.

PIC16F886 8 channel Blinker Blinker based on PIC16F886 8 Channel Blinker PIC16F886 8 channel PICmicro PICmicro Blinker 8 Channel

DOWNLOAD    [ TORNA ALL'INDICE ]

Qui di seguito trovate i link per scaricare il manuale di servizio del Lampeggiatore (contenente schemi elettrici, Master, PCB Layouts, Schema Collegamenti, Serigrafia, ecc.) e i datasheets.
Per tutte le altre richieste (firmware HEX, domande, suggerimenti, ecc.) utilizzare la sezione COMMENTI.

Download

Scarica il manuale tecnico e le istruzioni del Lampeggiatore 8Ch (2.4 MB)

Scarica il Datasheet del Microcontrollore PIC16F886 (4.3 MB)

Scarica il Datasheet del Triac BT131-600 (NXP - 190 KB)

Scarica il Datasheet del Triac Z0103 (ST - 160 KB)

Scarica il Datasheet del Triac Z0103 (Philips - 280 KB)

The complete prototype of this Blinker is for sale.
Il prototipo del Lampeggiatore, montato e collaudato, completo di contenitore, è in vendita.
Se interessati, inviare una mail.

COMMENTI    [ TORNA ALL'INDICE ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

DISCLAIMER (Dichiarazione di esclusione di responsabilità) - Tutti i progetti elettronici presentati e descritti nel sito internet https://www.narcisivalter.it possono essere utilizzati solo ed esclusivamente ad uso privato e senza scopo di lucro, pertanto non commercializzati. Le documentazioni dei progetti (schemi elettrici, disegni, foto, video, firmware, ecc.) non sono di dominio pubblico per cui i diritti d'autore rimangono dell'ideatore. Per utilizzare a fini commerciali i progetti (o parte di essi) presenti in questo sito web, si dovrà contattare l'Autore per concordare un'eventuale autorizzazione scritta.
- All the projects in this webpage is provided with no explicit or implicit warranties of operation. I do not assume any responsibility for any problems or damage to persons. The project is released "as is" and no support of any kind is provided. If you build the project, you implicitly accept my terms of not taking responsibility. If you do not agree, please, do not build this project and do not download any informations from this website!
- Tutti i progetti elettronici presenti nel sito internet www.narcisivalter.it sono stati realizzati e sperimentati personalmente dall'Autore, tuttavia l'Autore stesso non garantisce, a chi li realizzerà, un sicuro e perfetto funzionamento. Tutti i progetti elettronici presentati sul sito www.narcisivalter.it sono pensati e realizzati per un'utenza addetta ai lavori, specializzata nel settore elettrico ed elettronico e quindi in grado di valutare la correttezza e la funzionalità dei progetti stessi. Pertanto l'utente accetta espressamente di utilizzare i contenuti del sito sotto la propria responsabilità. I PROGETTI ELETTRONICI PRESENTATI SU QUESTO SITO SONO STATI RILASCIATI A PURO TITOLO HOBBISTICO E/O DI STUDIO E L'AUTORE NON GARANTISCE LA MATEMATICA CERTEZZA CIRCA IL LORO FUNZIONAMENTO E NON SI ASSUME ALTRESI' NESSUNA RESPONSABILITÀ, ESPLICITA O IMPLICITA, RIGUARDANTE INCIDENTI O CONSEGUENTI POSSIBILI DANNI A PERSONE E/O COSE DERIVANTI DALL'USO DEI PROGETTI STESSI. CHI REALIZZA E UTILIZZA I PROGETTI ELETTRONICI DESCRITTI IN QUESTE PAGINE, LO FA COME SUA LIBERA SCELTA ASSUMENDOSI TUTTE LE RESPONSABILITÀ CHE, EVENTUALMENTE, NE POTREBBERO DERIVARE.
AVVERTENZE IMPORTANTI - Molti circuiti descritti nelle pagine di questo sito sono sottoposti a tensione di rete 220-240 Vac e pertanto potenzialmente pericolosi; si può rimanere folgorati se non realizzati ed utilizzati secondo le norme di sicurezza vigenti. Pertanto l'utente e' tenuto a verificare se quanto realizza e' conforme alla normativa ed alla legislazione vigente. Per i non "addetti ai lavori" (improvvisati auto-costruttori) va ricordato che in particolari situazioni (diminuzione resistenza del corpo) già una tensione di 25V alternata potrebbe essere pericolosa. L'elettronica e l'elettricita' in genere affascina molte persone ma va ricordato che non basta uno schema scaricato da Internet per poter arrivare a un prodotto funzionante e sicuro: infatti ci vogliono un minimo di conoscienze delle fondamentali leggi della fisica, dell'elettricita' e dell'elettronica oltre all'esperienza pratica nell'uso di attrezzi e strumenti indispensabili, come saldatore, tester, oscilloscopio, ecc...

Privacy Policy - Cookie Policy - Condizioni d'Uso